Accedi

Effettua l'accesso per vedere le aree riservate

Username *
Password *
Rimani connesso

Rassegna critica di studi sulla rappresentazione dell’architettura e sull’uso dell’immagine nella scienza e nell’arte

XY OGGI

Sull'onda dei mutamenti epocali che si registrano nell'intero settore dell'editoria, a partire dal 2015 la rivista "XY dimensioni del disegno" e la collana "I libri di XY" sono pubblicate anche per via digitale.

Le potenzialità dei nuovi mezzi informatici di divulgazione rendono oggi possibile estendere ad un vasto ambito di interessi i temi gravitanti intorno alla rappresentazione e all'immagine: l'originario progetto editoriale si trasforma così in un'iniziativa culturale ad ampio raggio e in costante crescita.

Comitato scientifico

Collaboratori scientifici

Editori

  • Officina Edizioni

    Officina Edizioni

    I primi libri di Officina Edizioni apparvero nel 1964 su iniziativa di Aldo Quinti.

    In quegli anni anche le maggiori case editrici italiane riservavano una sporadica attenzione agli studi di architettura e fu proprio questo il campo dell'impresa editoriale di Quinti che si chiamerà, appunto, Officina: un laboratorio di ricerca connotato da rapporti collaborativi e amichevoli con gli Autori, da una produzione sempre incanalata in specifiche collane, da un insieme di apparati lavorativi semplici e non dispersivi. La casa editrice iniziò presto ad occuparsi non solo di architettura ma anche di sociologia, etnologia, linguistica, arte, teatro e cinema.

    Dal 2002, sotto un'altra direzione, Officina Edizioni persegue gli obiettivi originari con nuove strategie: mantenendo le collaborazioni esistenti, consolidando i rapporti con i direttori delle collane, avviando nuove iniziative editoriali e collaborazioni con il mondo dell'università.

    Oggi OE partecipa in maniera fattiva al dibattito nazionale ed internazionale sull'architettura e sulle sue molteplici intersezioni con i mondi del sapere umanistico e scientifico, con l'obiettivo di raggiungere un pubblico sempre più vasto di studiosi.

  • Università degli Studi di Trento

    Università degli Studi di Trento

    La casa editrice Università degli Studi di Trento si pone come obiettivo la selezione e pubblicazione del sapere accademico a partire dal risultato della ricerca e della didattica all’interno dell’ateneo. Il marchio editoriale nasce nel 1992, ma già nel 1983 l’Università degli Studi di Trento aveva iniziato un progetto editoriale con la collana dei Quaderni del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. I soggetti responsabili delle pubblicazioni sono i Dipartimenti, i Centri di ricerca e il Centro Studi Martino Martini, tra i quali contribuiscono in particolare all’attività editoriale i Dipartimenti – prima Facoltà – di Lettere e Filosofia e di Giurisprudenza.

    Fin dal 2004 la casa editrice dà la possibilità di pubblicare ad accesso aperto, incentivandone particolarmente la scelta a partire dal 2014, anno di approvazione della policy di ateneo sull’accesso aperto alla letteratura scientifica. Conseguentemente anche le principali collane dell’editore si sono gradualmente aperte a questo nuovo modello distributivo, che consente indubbi vantaggi economici e scientifici, considerato l’impatto citazionale degli autori e della casa editrice garantito dalla massima diffusione.