Accedi

Effettua l'accesso per vedere le aree riservate

Username *
Password *
Rimani connesso

Rassegna critica di studi sulla rappresentazione dell’architettura e sull’uso dell’immagine nella scienza e nell’arte

Estetica delle periferie urbane. Analisi semantica dei linguaggi dell’architettura spontanea

Matteo Clemente

11-esteticaperiferieurbane

Lingue: Italiano

Pagine: 112

Isbn: 9788887570977

Anno 2005

17,00 €
10 disponibili
+

La periferia urbana è stata sempre vista dalla letteratura scientifica in un’accezione negativa: “luogo degradato” nel migliore dei casi, “non luogo” in una definizione largamente condivisa. A ben guardare accanto ad una periferia zonizzata, senza qualità estetiche, esistono realtà spontanee con una precisa identità figurativa e con un ben definito patrimonio lessicale.
Partendo da un concetto di “nuovo rilievo”, volto a cogliere le qualità dei contesti urbani, anche se irrisolti e dallo studio dei processi di auto-organizzazione della città spontanea per conoscere le tensioni in atto, si può realmente intervenire sul territorio con progetti architettonici, che si inseriscono nel tessuto esistente come tasselli qualificanti, come cellule staminali rigeneranti, aventi lo stesso patrimonio genetico dei tessuti sostituiti. In tal senso opera il progetto “contestualistico”, ricercando la congruenza figurativa con l’edilizia esistente e desumendone in maniera consapevole gli elementi lessicali.
La prospettiva semiologica di questo libro, in tal senso, è volta a ricercare in modo sistematico un legame tra certe soluzioni formali dell’architettura d’avanguardia e medesimi elementi lessicali di manufatti poveri auto-costruiti, fornendo uno strumento conoscitivo strategico, prima di lasciare il passo all’intervento concreto sul territorio.

INDICE

Prefazione di Roberto de Rubertis

Introduzione

Capitolo I

- Quale periferia

- La scala urbana

- La scala architettonica

Capitolo II

- Quale architettura: riflessioni sulla contemporaneità

- La scuola di Los Angeles: dalla decostruzione alla qualificazione per frammenti

- Ancora sull’involucro: architettura versus Grafica

Capitolo II

- L’architettura come linguaggio di segni

- Una chiave di lettura figurativa e semantica per la periferia

- Gli indicatori lessicali del linguaggio dell’architettura spontanea

Capitolo IV

- Verso una nuova progettualità

- Le strategie progettuali di intervento nelle periferie urbane

Bibliografia tematica